Il divieto di Sanremo che stupefà tutti: ecco cosa cambia per i cantanti!

Il divieto di Sanremo che stupefà tutti: ecco cosa cambia per i cantanti!
Sanremo

In un fresco gorgo di chiacchiere e indiscrezioni, sembra che le acque televisive si siano nuovamente agitate al passaggio dell’ennesima onda di polemiche. La protagonista è la Rai, con un provvedimento che ha l’aspetto di un fermo veto, e che desta non poco scompiglio nel dorato mondo del piccolo schermo. Parliamo, udite udite, di un divieto che proibisce agli artisti in gara al famoso Festival di Sanremo di far capolino negli altri programmi del palinsesto Rai, in particolare in quel salotto buono della domenica sera che risponde al nome di “Che tempo che fa”.

Ebbene sì, cari lettori, la scia di questo bizzarro diktat si è fatta sentire con tutta la sua asprezza proprio nella puntata del 3 dicembre. Il timoniere di questo varietà serale, il signor Fabio Fazio, accompagnato dalla sempre pungente Luciana Littizzetto, ha sollevato un vero e proprio vespaio di commenti e reazioni, trattando l’argomento con quell’ironia sottile e quel garbo che lo contraddistinguono.

La faccenda si fa ancora più curiosa se si pensa che questo “blocco artistico” sembra essere stato calibrato ad personam proprio nei confronti del programma di Fazio. D’altronde, il conduttore è noto per le sue congeniali interviste, per la capacità di far emergere aspetti inediti e sfaccettature inaspettate delle personalità che si siedono di fronte a lui. Un incontro con i cantanti di Sanremo in tale contesto potrebbe regalare ai telespettatori un’esperienza televisiva ricca e profonda.

Ma, ohimè, pare che le porte di “Che tempo che fa” rimarranno chiuse, almeno per ora, agli artisti del Festival. Le ragioni di tale decisione restano avvolte nel mistero, ma si può supporre che le strategie di marketing e le politiche di esclusività abbiano la loro parte in questo teatro dell’assurdo. Il Festival della Canzone Italiana, con la sua enorme risonanza mediatica, tende a custodire i suoi tesori fino all’ultimo, lasciando che i riflettori si accendano solo sul palco dell’Ariston.

E così, mentre il pubblico attende con trepidante attesa di conoscere i volti e le voci che scalderanno l’inverno sanremese, si trova a dover rinunciare a quel gusto di anticipazione, quel preludio di simpatia che invece potrebbe scaturire da una chiacchierata in prima serata. Un controsenso, forse, o un calcolo freddo, che si insinua tra le righe di una politica televisiva sempre più cauta e protettiva.

Nel frattempo, a farne le spese è l’interazione tra le star della canzone e il loro pubblico, che vede sfumare l’opportunità di un’intimità televisiva prima del grande evento. “Che tempo che fa” continua nel suo cammino, senza poter ospitare quelle voci che presto si contenderanno il podio sanremese, ma con la speranza che il dialogo tra programmi e format possa un giorno tornare ad essere libero e senza barriere.

E, mentre la Rai rimane salda sulle proprie posizioni, si solleva il sipario su un nuovo atto di questa vicenda, attendendo di vedere se ci saranno colpi di scena o nuovi intrecci.